Gara d’appalto per l’assistenza domiciliare Tele Assistita a Pescara

Nel mese di Luglio di quest’anno, precisamente il 19/07/2017, è stata indetta una procedura aperta per l’assegnazione dell’appalto su  “servizi di tele assistenza e tele salute a supporto del servizio di assistenza domiciliare integrata per la regione Abruzzo” ( delibera di indizione n° 528 del 15 Giugno 2017), pubblicata anche sulla Gazzetta Ufficiale 5a Serie Speciale – Contratti Pubblici n.82 del 19-7-2017 (www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/07/19/TX17BFK12373/s5).

Tale gara è stata indetta in quanto la Regione Abruzzo ha manifestato la volontà di “promuovere un nuovo servizio di assistenza domiciliare Tele Assistita, a completamento della prestazione sanitaria, per cui siano chiari i meccanismi di arruolamento dei pazienti, le patologie da trattare, nonché l’impegno assistenziale necessario”.

Nel bando di gara sono presenti precise richieste sui dispositivi che dovranno essere presenti nel sistema di assistenza domiciliare, dispositivi che consentano la misurazione di specifici dati clinici e che permettano al paziente (e al suo caregiver) e al medico di essere in contatto (http://www.ausl.pe.it/bandi/Indizione%20gara%20teleassistenza_170719010607.pdf).

Uno spazio è inoltre dedicato alle patologie ed alle procedure che devono essere assistite e monitorate da remoto, tra queste vi è il trattamento dialitico peritoneale video assistito.

Considerando che la dialisi peritoneale domiciliare non obbliga il paziente con insufficienza renale cronica a recarsi in ospedale, consentendo di eseguire il trattamento anche al di fuori degli orari lavorativi, non alterando i ritmi della vista sociale, professionale e del tempo libero, il progetto prevede di dotare i Centri Dialisi sparsi sul territorio regionale della strumentazione necessaria per avere la possibilità di offrire questo servizio, individuando il paziente nella fase di scelta terapeutica.

Il servizio di dialisi video assistita deve comprendere la video assistenza dal centro dialisi di riferimento e la presa in carico dei pazienti da parte dell’infermiere e del medico case management della fragilità (tele assistenza) per il supporto alle corrette abitudini e stili di vita, il sostegno a sottoporsi agli esami di screening utili a monitorare lo stato di salute dei reni, il supporto sulla corretta alimentazione e al controllo del contenuto di sale, la misurazione della pressione arteriosa.

Purtroppo però è stata disposta la sospensione della procedura in quanto, in fase di gara, il responsabile unico di procedimento (Rup) Tiziana Petrella è stata collocata in aspettativa quindi è risultato necessario individuare un nuovo Rup che potesse fornire risposte ai numerosi chiarimenti pervenuti da parte di operatori interessati alla partecipazione alla procedura di gara (delibera 772 del 05/09/2017).

Resta comunque importante il fatto che le Aziende Sanitarie Locali si stiano interessando alla cura domiciliare tele-assistita del paziente al punto da indire apposite gare d’appalto per attrezzarsi in questo senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *