Diffondere la dialisi a domicilio

Il Prof. Loreto Gesualdo, nefrologo del Policlinico di Bari, scrive per il Corriere della Sera dei vantaggi derivanti dalla deospedalizzazione della terapia dialitiche quali indipendenza, flessibilità negli orari, riduzione della spesa sanitaria ed altri. Ciononostante solo una piccola percentuale della popolazione italiana usufruisce di questo tipo di trattamento.

Gli ostacoli sono di tipo organizzativo e culturale. Dal punto di vista organizzativo bisognerebbe sviluppare programmi dedicati alla trattamento dialitico domiciliare, con equipe dedicate. Uno strumento utile è fornito dal telemonitoraggio che consente di sorvegliare il paziente durante il trattamento. Dal punto di vista culturale, invece, è necessaria una formazione appropriata per l’intero staff di dialisi oltre che per il paziente e il relativo caregiver.

Articolo consultabile al seguente link:

http://www.miowelfare.it/news/diffondere-la-dialisi-domicilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *